Siete sul sito
Il suo paese
FacebookTwitterYoutubepinterestRss

Saltare i links di navigazione
Birra
© WBT - Philippe Lermusiaux
Cioccolato
© WBT - Emmanuel Mathez
Patatine fritte
© WBT - Philippe Lermusiaux
Gaufre
© WBT - Philippe Lermusiaux
Formaggi
© WBT - Philippe Lermusiaux
Salumi
© WBT - Philippe Lermusiaux
Acqua
© WBT - Philippe Lermusiaux
Golosità
© WBT - Philippe Lermusiaux
Acquaviti
© WBT - Philippe Lermusiaux
Torte
© WBT - Philippe Lermusiaux

La fantastica storia del nostro cioccolato

 

Il cioccolato belga, conosciuto nel mondo intero è uno dei fiori all’occhiello della gastronomia vallone. Visitate la Vallonia sulle tracce del cioccolato!


© WBT - Emmanuel Mathez

 

Dal cacao al cioccolato


Partiti alla conquista dell’oro, i navigatori spagnoli del XVI secolo scoprirono il cacao, al tempo, moneta di scambio e simbolo di ricchezza. E’ dunque Hernán Cortés che portò il cioccolato in Europa.


In seguito venne aggiunto lo zucchero e da questa unione, nasce il cioccolato come lo conosciamo oggi.


Mentre intorno alla fine del XIX secolo il cioccolato seduceva tutta Europa, in Belgio nasceva la prima tavoletta di cioccolato nel 1840.


La Pralina belga

 

La parola praline, di origine francese, rappresenta una mandorla rivestita di zucchero detta in Belgio dragée, confetto. Da qui, l’idea del maître chocolatier belgaJean Neuhaus di ricoprirla di cioccolato. Così, nel 1912, nasce la prima pralina di cioccolato.


Il cioccolato diventa, nel giro di qualche anno, un prodotto di alto livello e per conoscitori. E grandi nomi originari della Vallonia oggi sono ambasciatori del cioccolato belga nel mondo: Galler, Darcis e Edouard.

 

Voglia di degustazioni e visite al cioccolato?


Visitate la sezione Maîtres chocolatiers: imparerete con una dimostrazione diretta la storia del cioccolato e la creazione delle praline oltre che a gustarle!


Preferite una pausa relax al cioccolato?


Nella sezione Esperienze, potete scegliere la vostra cura o massaggio al cioccolato in Vallonia.