Siete sul sito
Il suo paese
FacebookTwitterYoutubepinterestRss

La Bruxelles dei suoi abitanti.

Cavoletti di Bruxelles
© og-vision - FOTOLIA

Bruxelles, nel cuore della gente.

Piazza del mercato


Il mio percorso comincia dalla Grand-Place di Bruxelles, patrimonio mondiale Unesco. (BRUXELLES), da un primo piano su questa bancarella del mercato dei fiori. Ogni giorno, colori vivaci illuminano le facciate dorate. Domenica il mio itinerario dei mercati è tutto un contrasto : scintillante, tra i chioschi degli antiquari del Sablon; sconcertante, alcune centinaia di metri più in là, tra le ¿Pulci¿ della piazza del Jeu de Balle. Nelle Marolles, il cuore popolare di Bruxelles, la vista degli abitanti è commovente. I mercati non sono un pretesto per gli incontri tra la gente?

Vetrine della creatività

Sorprendenti vetrine mi attirano verso le prestigiose vie della capitale del Belgio. Nelle Gallerie Reali Saint-Hubert (BRUXELLES) e un po' più tardi, rue Antoine Dansaert, mi lascio affascinare dalle recenti creazioni degli stilisti belgi (Mode Design Brussels). Qui l'immagine dell'uomo e della donna sono continuamente reinventate. Passando, ne approfitto per entrare nei negozietti inediti che mi svelano Bruxelles ed i suoi abitanti. Fino nella parte alta della città dove gli artigli del boulevard de Waterloo m'impregnano del lusso e della voluttà della moda dei grandi stilisti.

Terrazze e marionette

All'inizio della serata, la terrazza di un caffé m'impregna di un'atmosfera gioiosa.
Gli abitanti di Bruxelles, da generazioni, si mescolano alla nuova generazione ed ai turisti, e creano un allegro contrasto.

Dovunque vada, la carta delle birre stuzzica la mia curiosità. Mi ci vorrebbe tutta una notte per valutare i rispettivi affascinanti aspetti della Faro, della Gueuze, del Lambic o della Kriek (...). Tra queste piccole tappe ed insoliti spettacoli, mi fermo anche al Teatro Reale di Toone VII (BRUXELLES), per divertirmi degli scherzi del famoso marionettista.

Il Giro del Buongustaio

Sotto mille luci, Bruxelles mi appaga con ottimi ristoranti. Ce ne sono oltre 200 segnalati nella mia Guida Gourmet, sulla cucina in Belgio. 'Bruxelles-Gastronome' mi offre le sue immancabili 'crocchette' di gamberetti grigi, il suo 'stoemp' (pùré), i suoi cavoletti di Bruxelles, il suo "américain-frites" (carne tritata con salsa e patate fritte), il suo coniglio alla birra od il suo waterzooi (cucina al vapore). Dal semplice "moules et frites", (cozze e patate fritte) al ristorante quotato ho sempre mangiato bene. È un privilegio poter enumerare così tanti appuntamenti gastronomici.Resto.be